doc green
Forma il tuo Verde

La salute dell’operatore del Verde per la prima volta in Italia al centro di un convegno

Il 1° Convegno Internazionale per “lavorare senza problemi”

La_Postura _convegno

 

Un incontro di alto livello, grazie a una qualificata sessione di lavori che ha centrato l’obbiettivo di promuovere cultura in merito alla salute dei lavoratori chiamati a svolgere lavori manuali in ambito “naturale” quali giardinieri, boscaioli, treeclimbers o agricoltori.

 

A grandi linee, nella prima parte del convegno le esposizioni hanno analizzato il binomio infortunio/malattia e le implicazioni a esso correlate sotto il profilo sanitario per lasciare poi spazio, nella sessione pomeridiana, a considerazioni di carattere legale, organizzativo e di generale responsabilità.

Al termine dei lavori, molti partecipanti erano probabilmente consci della necessità di vigilare, per se stessi e non solo, al mantenimento di un buono stato di salute onde evitare indesiderate ripercussioni sul fisico e sulla capacità lavorativa.

 

Luigi Delloste, funzionario tecnico del Verde Pubblico della Città di Torino e delegato regionale Piemonte e Valle D’Aosta per l’Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini, è stato l’ispiratore della giornata che supportato dalla S.d.O. sas ha poi dato anche forma e organizzazione al valido evento.

 

Nonostante tutto, rimane comunque il rammarico per l’assenza di molti volti noti dell’ambiente non dovuta, si spera, a una sottovalutazione dell’argomento.

 

Giovanni Poletti, responsabile della diffusione web dell’evento, era presente e ha potuto così raccogliere in video le esposizioni dei relatori che si sono avvicendati.

 

Di seguito gli interventi di:

Gianmichele Cirulli presidente della Società Italiana di Arboricoltura

Marco Rinaldi presidente associazione Alberi Maestri

Walter Pallavicini segretario generale dell’Associazione Nazionale Tecnici Enti Locali

Daniele Dematheis caposquadra per la Città di Torino

Pavilio Piccioni Medico Competente per la Città di Torino

Massimo Girardo / bis dirigente medico divisione di Chirurgia Vertebrale Ospedale C.T.O. di Torino

Pierre Fauchet direttore Servizio Ortopedia e Traumatologia clinique du Pole de Santé Gassini (FR)

Chiara Mariani specialista in Fisiatria e dirigente all’Ospedale Martini di Torino

Ugo Mirarchi presidente dell’Associazione Fisioterapisti Piemonte e Valle D’Aosta

Giorgio Serafini / bis dirigente ASL 3 a Rivoli (TO)

Alessandro Baracco Medico Ergonomo all’Ospedale C.T.O. Torino

Julius Hoh Amministratore Delegato Stihl Italia

Andreas Hochstrasser funzionario Città di Zurigo (CH) esperto in sicurezza (traduce G. Schetter)

Uwe Boeckmann funzionario consorzio assicurativo BG Germania (traduce L. Boschetti)

Alberto Vanzo funzionario e R.S.P.P. per la Città di Torino

Mario Gebbia avvocato

 

Giova ricordare che il convegno è stato reso possibile dal fattivo contributo di Sthil-Viking, John Deere, Pellenc, TLF, Gaetano Gregori Piacenza, Consorzio Florovivaisti Lombardi.

 

Per l’importanza dell’argomento e il riscontro ricevuto, anche in sedi istituzionali, è già in programma per il prossimo anno la seconda edizione che avrà come probabile tema “Le Allergie”.

 

Scrivi un tuo commento, è sempre gradito. Come si fa?

Favorisci la diffusione di questa notizia. In che modo?

 

Notizia interessante? Allora dillo agli amici, è facile!

Commenti

  1. by Luigi Delloste on novembre 11th, 2011 at 13:33

    Buongiorno a tutti, alla conclusione di un lavoro come questo viene sempre in mente quanto di trascorso ci sia stato per realizzarlo, dal prendere i contatti dei soggetti attivi, al cercare gli sponsor, il luogo dove si è potuto svolgere l’evento, coordinare il tutto. Sempre meno e per questioni meramente psicologiche si pensa alle difficoltà passate, alle critiche mosse sulla valenza della trattazione di un argomento come questo che poteva essere in qualche modo “non compreso” o “capito” nel nostro comparto. Ora, considerata l’esperienza e vissuto il parallelismo tra le infinite formazioni professionali che ci vengono proposte, posso tirare qualche somma: dobbiamo fare, dobbiamo impegnarci per sensibilizzare e quindi sensibilizzarci sempre più su questo argomento, in tutte le sue sfaccettature e risvolti, da quelli amministrativi a quelli giuridici, da quelli tecnici a quelli comportamentali. Dobbiamo sforzarci di riflettere meglio alcuni momenti della nostra vita, che credo non siano sempre presenti nei pensieri di ognuno di noi se non nel momento del dramma (e ciò non può nè potrà mai essere retorica): occorre rispettare di più se stessi, perchè ciò significa aggiungere valore alla vita sociale, significa tornare a casa alla sera con ancora spazio al sorriso, significa invecchiare consci del tempo che passa ma con ancora tante opportunità davanti, sì nel ricordare i bei tempi passati ma anche da percorrerne altri ancora. Mi vengono in mente gli sforzi compiuti nel redigere l’impianto legislativo sulla sicurezza dell’operatore, mi vengono in mente le morti bianche, mi viene in mente che non è possibile vivere senza produrre e quindi lavorare, mi viene in mente che la fatica e il sudore non sempre danno la soddisfazione proporzionata che vorremmo.
    Mi viene in mente quanto tempo nella vita passiamo nel lavoro pensando al lavoro per poi scorrerla alla fine con il senno di poi…

    Un sincero ringraziamento a tutti coloro che hanno lavorato per la realizzazione di questo evento che auspico davvero di cuore possa produrne altri per servire a chi lavora, nell’intento di lavorare nel rispetto del lavoro e soprattutto del lavoratore.
    Buon lavoro.
    Luigi Delloste

  2. by Giovanni Poletti on novembre 11th, 2011 at 14:48

    Complimenti Luigi, un ottimo lavoro che lascia ben sperare.

  3. by sergio zerbini on novembre 12th, 2011 at 09:04

    Grazie Giovanni, un ottimo servizio.
    Complimenti a chi riesce ad organizzare questi eventi nonostante il clima di grande depressione e pessimismo regnante.
    Un saluto a tutti.

  4. by Giovanni Poletti on novembre 12th, 2011 at 09:30

    Grazie a te Sergio.
    Io sono stato coinvolto “solamente” per migliorare la diffusione dell’evento e quindi marginalmente all’organizzazione vera e propria.
    L’Informazione non è il mio mestiere ma trovo affascinante l’applicazione dei nuovi mezzi di comunicazione al nostro settore, talmente importante negli scenari attuali ma così spesso inosservato e dimenticato.
    Nel mio piccolo provo a coniugare le cose, chissà mai.
    Il mio “Diario di Bordo” è un tangibile tentativo di colloquio verso nuovi “ascoltatori”.

    A presto!

  5. […] Sono ora finalmente on-line e liberamente scaricabili anche gli atti cartacei del primo convegno internazionale sulla salute dell’operatore nel verde, tenutosi a Torino il 28 ottobre 2011 “Lavorare senza problemi: la Postura“. […]

Lascia un commento