doc green
Forma il tuo Verde

Analisi stabilità degli alberi torinesi | 13

Nuovamente “in campo”

C.so URSS_TO

*

data: lunedi 04 aprile

presenze: Giovanni Poletti, Massimiliano Demi

luogo: Corso Unione Sovietica

attività: sopralluogo e rilevamento diametri

Dopo la pausa della prima consegna, si ritorna al lavoro da uomini duri e quindi eccoci nuovamente sulle trafficate strade torinesi.

Una breve considerazione, ricordando la divertente mimica messa in atto anni fa con un mio allora dipendente che puntualmente alla vista di netturbini, asfaltatori, postini, movieri o chiunque altro emergesse per un capo di vestiario ad alta visibilità richiamava la mia attenzione sorridendo ed esclamando: colleghi!.

Tralasciando l’informale aspetto ludico di quel rapporto di lavoro, a modo suo aveva ragione. Nonostante possa vantare solo una intermittente presenza a “bordo strada” da tempo ho maturato una diversa percezione per la nutrita schiera di lavoratori riconoscibili dalle giacche, pantaloni o gilet…flou. Maggior rispetto.

Detto ciò, il consueto ritrovo con il collega lucchese è in Corso Unione Sovietica, alla confluenza con piazzale Caio Mario, per pianificare i nuovi rilievi.

Nella giornata odierna è stata tra l’altro concordato un incontro con il referente del Comune per definire confini e criteri di numerazione, causa l’assenza di rilevi cartografici, delle alberature presenti in Piazzale Caio Mario, altro ambito oggetto della prossima consegna insieme a Corso Unione Sovietica.

Avuto da quest’ultimo le necessarie delucidazioni ed espletati alcuni adempimenti burocratici inerenti la polizza assicurativa sulla Responsabilità Civile obbligatoria per capitolato per la quale, indipendentemente dalle specifiche richieste di Torino, è opportuno avere un massimale di copertura almeno paritetico a quanto normalmente concordato per la RC autoveicoli,  optiamo  per il pranzo in una Tavola Calda adiacente, pur con qualche dubbio sulla sua qualità.

Come ipotizzato, al termine, con decisione unanime decidiamo di non concedere ulteriori verifiche del menù…ahinoi…

Il caldo pomeriggio lavorativo inizia con le operazioni di misurazione dei diametri dei Platani che disposti su un quadruplo filare, da Piazzale Caio Mario arrivano fino all’imbocco della tangenziale, in direzione della Reggia di Stupinigi.

Contestualmente al diametro, decidiamo di raccogliere anche il dato relativo all’altezza dell’impalcatura della chioma, un parametro biometrico che, unitamente alla larghezza chioma e altezza dell’albero, il Comune richiede.

Mediante l’ipsometro stabiliamo con precisione l’altezza di alcune tipologie di lampioni e semafori, della linea elettrica di alimentazione per i tram, di edifici ovvero di elementi cha sappiamo essere costanti lungo il viale per avere precisi punti di riferimento a cui paragonare gli alberi. Anche su questi dati il Comune farà collaudi/verifiche e in caso di discrepanze evidenti può contestare il lavoro, se non addirittura rifiutarlo.

Operativamente, Poletti misura e detta a Demi che trascrive su una tabella appositamente creata e utilizzata su una leggera tavoletta appesa al collo. Così organizzati, è possibile consultare molto agevolmente la cartografia, nei frequenti casi in cui ciò si è reso necessario per verificare situazioni dubbie.

Considerazione pratica: dopo circa 3 ore mi rendo conto che ho sbagliato tipologia di scarpe: quelle antinfortunistiche estive non hanno ancora una buona calzata e soffro di dolori non indifferenti, ma l’auto è molto lontana ergo, occorre proseguire, scoprirò poi che di analoghi problemi soffre anche Massimiliano.

Dopo una pausa a metà pomeriggio terminiamo verso le 18.00, avendo misurato 367 alberi.

Nel consueto scambio di opinioni di fine giornata, c’è spazio per i saluti e qualche battuta, prima di mettersi in auto alla volta dei rispettivi alloggi.

Tutto regolare? No… scopriremo nostro malgrado di esserci preparati una sorpresa per il mattino seguente…

*

Scrivi un tuo commento, è sempre gradito. Come si fa?

Favorisci la diffusione di questa notizia. In che modo?

Notizia interessante? Allora dillo agli amici, è facile!

Lascia un commento