doc green
Forma il tuo Verde

Sviluppi e prospettive nella professione dell’Agronomo

EIMA – Bologna, Giovedi 11 novembre 2010 – Sala Allemanda (Pad. 33-34 ammezzato), h. 10:00 – 13:00

campagna di pianura

Coltivare i luoghi, fare paesaggi.

Orti di prossimità e agricoltura urbana nell’era del web 2.0. Fare rete verso l’expo 2015.

|

L’economia mondiale sta spostando l’attenzione dalla “produttività umana” alla “produttività delle risorse”, cercando così di ridurre l’impatto dell’uomo sull’ambiente. L’interesse si sta trasferendo sempre più dal capitale “economico” a quello “naturale” e di conseguenza anche l’industria sarà obbligata a imitare la natura. Tutto ciò induce all’affermazione di nuovi valori, a un radicale cambiamento di mentalità dell’acquisto, basato non più sul concetto di ricchezza, ma su quello di benessere inteso come qualità, utilità e prestazioni. Tale cambiamento comporta una crescente attenzione nei confronti del verde, dello stare bene e dell’uso di materiali riciclabili, elementi che appagano l’esigenza di benessere. Wto, protocollo di Kyoto, riforma della politica comune in materia agricola, tracciano ormai scenari chiari, di come il mondo agricolo, e di conseguenza il territorio, si adatterà a queste “evoluzioni”. Il paesaggio del nostro paese è profondamente segnato dalla mano dell’uomo: i campi coltivati con ordine in pianura si alternano alle colline boscate, coltivate a castagneto o a ceduo, che fanno da sfondo alle città d’arte e alle attività produttive. Le architetture si sono stratificate nel corso dei secoli, avvicendandosi o sovrapponendosi al reticolato agricolo, mentre il paesaggio, che interessa oltre il 70% del nostro territorio, è “occupato” dalle coltivazioni agricole e sono gli agricoltori stessi che con il loro “operare giornaliero” lo gestiscono. Le recenti evoluzioni fiscali, giuridiche e previdenziali, hanno mutato la figura dell’imprenditore agricolo, che diventa sempre più multifunzionale e pluri-attivo ed esce dagli “steccati dell’impresa agricola tradizionale” per arrivare alla realizzazione e alla manutenzione di aree a verde, siano esse di natura pubblica o privata. L’impresa agricola è, per definizione, inserita all’interno di uno specifico territorio, ma non sempre a questa naturale connotazione geografica corrisponde un’interrelazione strutturata con tutti i soggetti presenti sul territorio. L’imprenditore è il soggetto determinante per stabilire il sistema di relazioni di cui, ormai, il fare impresa ha bisogno, un tema di grande attualità che ha portato centinaia di aziende in Italia a guardare con interesse a queste opportunità di mercato.

|

PROGRAMMA

Modera: Prof. ssa Anna Lambertini, Università di Firenze, AIAPP

Saluti

  • Massimo Goldoni, Presidente Unacoma

“Pic nic 2.0, le frontiere del food design”

  • Paolo Barichella, Food Design Studio

“L’esperienza degli orti di prossimità”

  • Emanuele Scarello, Presidente JRE – Jeunes Restaurateurs d’Europe
  • Gianfranca Pirisi, Presidente AGIA – Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

“Il ruolo del web nello sviluppo dell’impresa”

  • Ivano Valmori, Imageline

“Sviluppi e prospettive nella professione dell’agronomo”

  • Giovanni Poletti, Promoverde Emilia Romagna

Organizzato da: Promoverde, Cultura del Verde, Sistemi Editoriali, Unacoma

|

Un commento a questa notizia è  sempre gradito: eseguire un doppio clic sul titolo e registrarsi.
Per l’avviso della pubblicazione di nuovi articoli selezionare “Voce RSS” nel box laterale “Feed RSS”.

Notizia interessante? Allora dillo agli amici, è facile!

Lascia un commento