doc green
Forma il tuo Verde

L’aria per decompattare il terreno

Aria sotto pressione

Come già anticipato in questo precedente articolo, il giorno 8 aprile a San Zeno di Colognola ai Colli (VR) si è svolta una giornata dimostrativa organizzata dal Dott. Valentin Lobis, in collaborazione con le ditte tedesche MTM Spindler e Schmid SR per la dimostrazione dei mezzi per il decompattamento del terreno .

MTM è un’azienda tedesca specializzata nel settore agroforestale che opera a livello internazionale che ha dato ampia collaborazione per la prova “in campo” dei propri prodotti,  del quali pali iniettori, attrezzi pneumatici, miscelatori, ecc.

E’ ampiamente documentato che la libera circolazione dell’aria nel terreno è determinante per lo sviluppo e il mantenimento di un ambiente favorevole allo sviluppo delle piante superiori, quale diretta conseguenza della funzionalità di microflora e microfauna indispensabili per il completamento del ciclo del carbonio, quindi della possibilità di vita nella rizosfera.
Nei terreni compattati, asfittici, l’uso di mezzi presentati potrebbe essere di indubbio valore per il miglioramento o il recupero delle condizioni vitali perdute.

In termini fin troppo semplici, si tratta di un palo iniettore modificato con un sistema di percussione ad aria compressa (assai simile al meccanismo presente in un martello pneumatico) per consentirne un’agevole penetrazione nel terreno al fine di insufflare ad una profondità variabile getti violenti di aria compressa, in grado di disgregare efficacemente matrici terricole eccessivamente compattate.

In aggiunta, il sistema, in conseguenza dello strumento utilizzato, può veicolare agevolmente anche sostanze nutritive, ammendanti, ritentori idrici in forma solida, semi-solida (gel) o liquida negli spazi aperti che si sono creati.

La scelta del compressore non è vincolante ma è consigliato l’uso di modelli industriali in grado di erogare 5.000 litri aria/minuto.

Anche in questo campo la miniaturizzazione si è evoluta e tutta l’attrezzatura, compressore escluso, appare oggi trasportabile su un semplice furgone automobilistico, senza l’utilizzo di ingombranti camion come avveniva, invece, una quindicina di anni orsono in analoghi sistemi.

L’uso di queste modalità operative introduce nuove opportunità nell’uso dell’aria per la scopertura e il recupero degli alberi sofferenti o il miglioramento della permeabilità del terreno in generale, affiancando ma senza sostituire l’uso di mezzi già consolidati quali l’Air-Spade che più semplicemente “soffia” aria sulla superficie.

Sul canale YouTube dello Studio Professionale DOC GREEN, un reportage con i migliori video della giornata, di seguito un’anteprima.

|

|

Un commento a questa notizia è sempre gradito: eseguire un doppio clic sul titolo e registrarsi.
Per l’avviso della pubblicazione di nuovi articoli selezionare “Voce RSS” nel box laterale “Feed RSS”.

Notizia interessante? Allora dillo agli amici, è facile!

Commenti

  1. […] This post was mentioned on Twitter by DOC GREEN. DOC GREEN said: http://bit.ly/99jbJ7_rizosfera http://bit.ly/bVByKr […]

Lascia un commento