doc green
Forma il tuo Verde

Sky-land

“I grattacieli del Verde”: dai giardini pensili alle “Vertical Farms” la città del futuro si allea con l’agricoltura

L’evoluzione del vivere civile in Europa sta cambiando radicalmente il modo di intendere il Verde urbano, che fino a ieri era sostanzialmente visto come un accessorio all’edilizia.

Oggi assume un significato completamente diverso, strettamente legato alle funzioni che svolge per il miglioramento della qualità della vita dei cittadini, nell’attuazione del protocollo di Kyoto, nella stabilizzazione, nella difesa e nell’uso del territorio.
In un processo così dinamico, grazie anche alla disponibilità di nuovi materiali e tecnologie, nascono idee all’avanguardia, come il verde verticale. Tetti verdi, giardini pensili, muri viventi, facciate vegetali. Se la città si sviluppa in verticale, anche il giardino la segue con importanti effetti sulla gestione del Verde.
Il verde verticale si inserisce come soluzione polivalente, ad alto valore scenografico e con grandi possibilità di miglioramento degli ambienti urbani. Ma non solo. Le previsioni sono quelle di un mercato che non si basa solo su un trend estetico, ma che è strettamente legato alla necessità di risparmio energetico, di mitigazione ambientale, di riduzione dell’inquinamento dell’aria, acustico e visivo.
Tutta la filiera del settore del verde (progettisti, produttori, costruttori e manutentori) è coinvolta. Ma serve anche una diversa attenzione da parte delle pubbliche amministrazioni che devono diventare parte attiva nella promozione di sistemi innovativi.
Assieme al Verde ornamentale, potrebbe, in un futuro non così lontano, arrivare in città anche l’agricoltura, complice la “fame” di terra coltivabile dei prossimi decenni, di cui si hanno già le prime avvisaglie.
Molti Paesi con economie in forte sviluppo (quelli arabi per ragioni climatiche, Cina e India per l’aumento della popolazione) si stanno assicurando il futuro comprando terra all’estero, Africa, estremo Oriente, America centrale.
Entro 50 anni si calcola che la popolazione mondiale raggiungerà un livello tra gli 8 e gli 11 miliardi. Nutrire questi nuovi arrivati richiederà 1 miliardo di ettari supplementari di terra coltivabile, che non esiste, e ciò comporterà la necessità di individuare nuove soluzioni per la nostra agricoltura.
Tra quelle più probabili le “vertical farms”, le “fattorie verticali” nelle aree metropolitane. Biotorri autosufficienti dal punto di vista energetico, dedicate alle coltivazioni idroponiche, basate quasi esclusivamente sulla presenza di acqua e sostanze nutrienti per le piante. Con il vantaggio di maggiori produzioni più elevate e più salubri, a parità di gusto e valore nutritivo.
La proposta vincente potrebbe essere quella di usare i grattacieli agricoli per riqualificare gli spazi urbani dismessi dall’industria o le periferie alienanti.
E già qualcosa si muove anche in Italia: per l’Expo 2015 di Milano l’Enea ha pensato alla prima “vertical farm” del mondo, che dovrebbe diventare i simbolo della città. Si chiamerà “Sky-land”.

fonte: vini e sapori.net

Un commento a questo articolo è sempre gradito.
Per ricevere le novità dal blog è possibile iscriversi ai “Feed RSS”, nella colonna a lato.

Notizia interessante? Allora dillo agli amici, è facile!

Lascia un commento