doc green
Forma il tuo Verde

Pittosporum tobira a Messina

La Sicilia porta alla ribalta nazionale un pittosforo.

Un privato riesce nell’intento di porre sotto vincolo della Regione Sicilia un “normale” arbusto posto nel proprio giardino pensile mediante una richiesta presentata sette anni fa alla Soprintendenza dei Beni culturali e ambientali.. un albero bello, bellissimo, da far invidia ai suoi consimili dell’Orto botanico cittadino, dove, a quanto pare, non ce n’è uno paragonabile. Ma tutto sommato né unico né particolarmente vecchio.

Sedici pagine sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e altrettante sul Bollettino Ufficiale della Regione siciliana, per migliaia e migliaia di copie: chissà quanti alberi sarebbero stati sacrificati per stamparle, se non fosse per l’uso della carta riciclata. E tutto ciò perché l’intera cittadinanza italiana venga edotta, con meticolosa dovizia di particolari, che un albero di Messina è stato dichiarato per legge di «notevole interesse pubblico».

È un esemplare di Pittosporum tobira, specie vegetale originaria del Giappone, che viene utilizzata per le siepi dei giardini pubblici. Più semplicemente, un pittosforo. Ecco come l’ha descritto il 23 gennaio 2002 Rosa Maria Piccone del Dipartimento di scienze botaniche dell’Università di Messina che fu incaricata di fare una relazione a sostegno della proposta di vincolare la pianta: «L’esemplare da me osservato è un alberello alto circa 4 metri, che ha sviluppato la caratteristica chioma ad ampio ombrello, con un diametro di metri 6,60, quasi perfettamente emisferica… Considerato che questa specie ha una crescita del tronco estremamente lenta, questo esemplare ha sicuramente più di 50 anni di età, probabilmente fra i 70 e i 100 anni». L’albero non si trova sulla pubblica via, bensì in un giardino privato che affaccia sul mare, in via Consolare Pompea. Spiega il proprietario: «Perché ho chiesto il vincolo alla Soprintendenza? Me lo consigliarono alcuni esperti. Adesso nessuno potrà tagliare o spostare l’albero».

Certo, non è stato facile. Prima la richiesta alla Soprintendenza, il 16 gennaio 2002. Quindi la relazione di parte. Poi, dopo quasi cinque anni anni, il 20 dicembre 2006, i dirigenti scrissero un rapporto favorevole. E trascorso un altro anno, si riunì la Commissione provinciale per la tutela delle Bellezze naturali e panoramiche di Messina, che deliberò «all’unanimità» la concessione «di vincolo della bellezza individua» al pittosforo. Non era finita. Il decreto del «Dirigente del servizio tutela del dipartimento regionale dei beni culturali e ambientali» è arrivato soltanto il 20 aprile scorso. Mentre la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana è di lunedì 13 luglio: a quasi otto anni di distanza dalla richiesta.
Varie e interessanti alcune conseguenza pratiche. Per comprenderne la portata bisogna leggere la relazione della Soprintendenza del dicembre 2006, un documento di due pagine dove forse c’è la spiegazione. Poche righe in fondo, per rammentare che ai sensi del secondo comma dell’articolo 138 del codice civile in caso di vincolo accordato al vegetale, «eventuali modifiche, potature straordinarie e ulteriori piantumazioni» dovranno essere autorizzate dalla Soprintendenza. Ma soprattutto che «non si potranno consentire ampliamenti della costruzione retrostante, né la realizzazione di ulteriori corpi di fabbrica nel giardino».
Non c’è che dire. Il proprietario adesso ha una bella assicurazione ecologica.

Di seguito alcune considerazioni di Paolo Villa, Presidente AIAPP.

“Con un grande articolo, il Corriere della Sera si stupisce ancora una volta della Sicilia. Una sola pianta è capace monopolizzare 32 pagine di documenti ufficiali, come il Bollettino siciliano e La Gazzetta ufficiale. Uno scandalo? Non credo. Questo è un caso che fa riflettere. Perché stupirsi se qualcuno dà un segno così deciso di amare le proprie piante, e ci crede al punto di seguire una pratica per otto anni, e perché meravigliarsi se tutto questo succede in Sicilia?
La risposta è semplice: non siamo abituati a vedere un proprietario che insegua valori diversi da quelli immobiliari ed economici e che guardi alla bellezza del luogo in cui vive ed alla soddisfazione che gliene viene dal semplice ammirare una pianta, sia pure comunissima e piccolissima. e non siamo preparati a pensare che questo succeda lontano dalle piazze europee.
Chissà in questi anni quante volte il proprietario si sarà sentito ripetere: ma quanto vale un pittosporo? Immagino anche che abbia risposto che quella pianta non ha valore traducibile in euro, ma in affetto, in ammirazione e in rispetto.
Forse dovrebbe sorprendere di più lo stupore con cui ci vengono proposti certi argomenti. Qualcuno non si è accorto che i tempi sono cambiati. La convenzione Europea del Paesaggio è attiva da anni, anche in Italia, e queste azioni sono i riscontri di chi è ormai pronto a recepirla nelle sue intime istanze. Questo vale per i privati cittadini ma anche per il buon lavoro che svolgono le sovrintendenze. Sono segnali deboli, ma positivi e confortanti per il nostro paesaggio.
Se l’articolo vuole suscitare sorrisini di compatimento e scosse di capo, non ci riesce. Sono ammirato dal coraggio, dalla lungimiranza e dalla coerenza di chi riconosce e difende i propri valori, e sono contento che questo episodio sia nato proprio dalla Sicilia, dove abbiamo programmato la nostra prossima assemblea nazionale in ottobre, in concomitanza del convegno “100Mila Giardini di Sicilia”, in cui saranno sviluppate e illustrate al grande pubblico le potenzialità economiche, turistiche e ambientali di ogni singolo giardino, e perché no, di ogni singola pianta. Il motto dell’iniziativa sembra coniato apposta per il pittosporo di Messina: “Anche il giardino più piccolo e nascosto è una tessera importante per costruire insieme il grande mosaico dell’isola più bella del mondo”. Il proprietario del pittosporo sarà invitato speciale, lo preghiamo di mettersi in contatto con noi: gli dobbiamo la nostra stima.”

Un commento a questo articolo è sempre gradito.
Se vuoi ricevere le ultime novità dal blog puoi iscriverti ai feed RSS.

Notizia interessante? Allora dillo agli amici, è facile!

Lascia un commento